TLTR: Il menu in basso aumenta la user experience e facilita l’utilizzo su smartphone recenti.

Nel corso degli anni, la dimensione dello schermo degli smartphone è andata sempre crescendo, passando da 3,5″ dei primi smartphone del 2008/2009 a oltre 6,5″ di oggi. In circa 10 anni la diagonale degli schermi è raddoppiata e molti telefoni con dimensioni generose hanno preso il nome di phablet, ovvero dispositivi a metà tra uno smartphone e un tablet.

il 49% degli utenti utilizza lo smartphone con una sola mano e diventa sempre più complicato raggiungere con il dito la parte superiore.
Da alcuni anni tutte le applicazioni native per smartphone hanno il menù nella parte inferiore dello schermo, ma la maggior parte dei siti in versione mobile ha il menu composto da 3 linee nella parte superiore dello schermo.
Nel corso degli anni, i produttori di smartphone hanno iniziato ad aggiungere una funzionalità per l’utilizzo del dispositivo con una sola mano, ma tale funzione è spesso sconosciuta all’utente o ignorata perchè non rientra tra le gesture comuni.

I primi smartphone usciti, tra cui l’Iphone 3g del 2008, aveva una diagonale pari a 3.5″ che rendeva l’utilizzo del telefono con una mano semplice e immediato.

Nell’immagine successiva abbiamo analizzato la difficoltà per gli utenti di raggiungere il menu nella parte superiore dello schermo. Il mockup dell’iphone di sinistra simula un utente che utilizza lo smartphone con la mano sinistra, mentre il telefono di destra simula la presa con la mano destra.

Il nuovo sito web di EnneStudio ha il menu in basso per facilitare l’utente e migliorare l’esperienza utente o user experience. Nel seguente mockup abbiamo uno screen del nostro sito web e un rendering con il menu in alto a destra.

I due mockup presentano le stesse aree di interesse con le medesime difficoltà.

  • Area difficoltà 1 (verde): quest’area è facilmente raggiungibile con il pollice della mano che impugna il telefono, lo sforzo è minimo.
  • Area difficoltà 2 (giallo): questa area è successiva alla verde e l’utente compie uno sforzo maggiore per raggiungerla, ma rimane comunque a “portata di pollice” per la maggior parte degli utenti
  • Area difficoltà 3 (arancione): questa terza area è difficilmente raggiungibile per molti utenti come bambini o persone con mani piccole. Spesso si tende a cambiare leggermente impugnatura (a volte inconsapevolmente) per arrivare a elementi sullo schermo posizionati in questa area e in rari casi può portare a perdere la presa e a far cadere il telefono.
  • Area difficoltà 4 (rosso): difficile, se non impossibile raggiungere l’angolo superiore opposto con il pollice: in questo caso si utilizza la seconda mano oppure si modifica drasticamente l’impugnatura per arrivare in questa zona.

EnneStudio ha sviluppato il nuovo sito web con un’occhio di riguardo alle prestazioni e all’usabilità, infatti è presente una fascia inferiore (bottom bar) con 3 icone per un collegamento rapito alla homepage, ai contatti e al menu.
Per avvalorare la nostra tesi abbiamo creato un mockup di come sarebbe il menu in alto confrontato con l’attuale grafica.

Abbiamo riportato la divisione delle aree dell’immagine precedente sul mockup e l’utilizzo del dispositivo con la mano destra. Nell’immagine di sinistra il menù è facilmente raggiungibile e si trova completamente nell’area di difficoltà 1. Nel secondo caso (immagine di destra), l’icona ad hamburger del menù (3 linee in alto a destra) è a metà tra la fascia 3 e 4 rendendo difficile arrivarci con il pollice.
In caso di utenti mancini, la difficoltà è ancora maggiore se non impossibile.

Un aiuto importante viene dato dai produttori di smartphone, ad esempio Apple e Samsung hanno una gesture per abbassare la parte superiore dello schermo e permettere il click.

Come detto in precedenza la funzione è sconosciuta e poco utilizzata e noi di EnneStudio, nell’ottica di offrire un servizio migliore, abbiamo deciso di rendere semplice e veloce la navigazione all’utente, senza costringerlo a sforzi inutili per aprire il menu.

Il team di EnneStudio è a disposizione per qualsiasi domanda o curiosità.

Condividi l’articolo e non dimenticare si seguirci sui social!

Torna su